Bimbirimbò

Approfondimenti

Studiamo…finché è facile!

Studiamo…finché è facile!
dicembre 30
10:08 2014

Si è sempre pensato che il talento e la predisposizione individuale fossero elementi indispensabili per poter divenire fuoriclasse nel proprio campo. Ora, invece, dopo gli studi effettuati da uno scienziato statunitense, il Professor Anders Ericsson, che insegna Psicologia Cognitiva presso l’Università della Florida negli Stati Uniti, si rivaluta molto il valore dello studio e della perseveranza, dell’esercizio e dell’allenamento protratti per tempi lunghi per raggiungere il successo nei vari campi dello sport e dell’arte.

Ericsson li quantifica in diecimila ore per pervenire a risultati di eccellenza. Tale numero di ore è il tempo massimo necessario di apprendimento perché, dopo averle superate, si possono limare le imperfezioni, ma non si ottengono più miglioramenti significativi. Quindi il talento, inteso come predisposizione naturale, può solamente rappresentare un elemento di facilitazione e accorciare la via verso la perfezione, ma è sempre indispensabile un’applicazione costante. A parere di Ericsson, è comunque fondamentale iniziare lo studio o l’esercizio con costanza e perseveranza prima dei dieci anni perché, fino a quell’età, i bambini mantengono intatte le caratteristiche di adattabilità e di capacità di apprendimento che li rendono simili “ad un campo in attesa di essere seminato”. In queste condizioni per loro diventa semplice rendere automatici movimenti ed esercizi necessari per praticare uno sport o suonare uno strumento musicale. Tale facilità è dovuta al fenomeno noto come plasticità neuronale poiché i neuroni, attraverso ripetuti esercizi, imparano a trasmettere gli impulsi nervosi che permettono di eseguire gli esercizi con sempre maggiore velocità e prontezza e di superare le difficoltà in progressivo aumento per raggiungere la perfezione. Dopo i dieci anni la facilità di apprendimento diminuisce e imparare qualcosa di nuovo richiede maggiori sforzi e non sempre porta ai risultati sperati, anche se, ad ogni età, è utile mantenere il cervello in esercizio, stimolando la memoria, i riflessi, la destrezza, la velocità di esecuzione e di ragionamento.

L'autore

Silvia Golinelli

Silvia Golinelli

Silvia Golinelli, pedagogista, scrittrice, studiosa di letteratura per bambini, da molti anni insegna nella Scuola dell'infanzia e ricopre anche il ruolo di coordinatrice pedagogica presso la Direzione Didattica di Mirandola. Tiene corsi di letteratura per l'infanzia presso molti Enti ed Istituzioni del territorio, effettua consulenze ed animazioni nell'ambito del progetto "Nati per leggere", partecipa ad attività di volontariato di tipo culturale con l'Associazione "Sergio Neri".

Articoli correlati

Nessun commento

Ancora nessun commento!

Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.
I campi richiesti sono segnati con *

Current day month ye@r *

Le ultime novità dall'e-shop!

Bimbirimbò su Facebook

Iscriviti alla newsletter di bimbirimbò

Iscriviti alla newsletter per ricevere gli approfondimenti, le notizie e le offerte di Bimbirimbò