Bimbirimbò

Approfondimenti

Come scegliere la scuola dell’infanzia

Come scegliere la scuola dell’infanzia
febbraio 02
08:57 2015

In epoca di iscrizioni alla scuola dell’infanzia, poichè il territorio solitamente offre un’ampia gamma di opportunità, è opportuno che i genitori le vaglino attentamente per effettuare una scelta che li renda soddisfatti e fiduciosi. Le Scuole dell’Infanzia a cui potersi iscrivere possono essere statali, comunali, paritarie o private, con organizzazioni, orari e rette che variano a seconda della loro tipologia. E’ compito del genitore informarsi presso di esse di tali aspetti perché la scuola scelta possa ben conciliarsi con le esigenze e il bilancio familiare. Di prassi, comunque, all’inizio dell’epoca delle iscrizioni, i genitori sono invitati ad una riunione nella quale i responsabili del servizio ne illustrano tutte le caratteristiche e sono pronti a rispondere ad eventuali domande e chiarimenti.

Inoltre è solitamente possibile, in un periodo ed in orari ben definiti, recarsi a visitare i locali delle scuole per osservarli con attenzione e verificare se rispondano o meno alle proprie aspettative. Durante tali visite, che spesso si effettuano nel corso della mattinata, i genitori entrano nelle sezioni di Scuola dell’Infanzia in momenti in cui sono in corso attività didattiche o liberi momenti ludici, entrando nel vivo della vita della scuola e sperimentando in diretta le routine quotidiane che i bambini realizzano in essa.

Ad accompagnarli in tale visita spesso è una docente (utilizzo il femminile perché sono ancora pochi i docenti maschi nelle scuole dell’infanzia),alla quale è possibile chiedere spiegazioni sulle attività in corso e sull’organizzazione oraria e didattica. Consiglio ai genitori di approfittare dell’opportunità offerta dalle visite perché la conoscenza diretta dei locali, degli arredi, del personale è molto illuminante rispetto alla vita e all’operatività di una determinata scuola. Inoltre, se si visitano più scuole, si possono paragonare tra loro per scegliere, poi, con cognizione di causa.

Vorrei, però, soprattutto invitare i genitori a leggere, sui siti delle scuole, la programmazione didattica ed educativa ed i progetti che verranno svolti in esse perchè sono tali aspetti che  caratterizzeranno e coloreranno la vita dei loro bambini nei tre anni di scuola dell’infanzia molto di più dei locali e degli arredi.

La qualità dei servizi per l’infanzia è infatti insita nell’offerta educativa e didattica, che, in anni decisivi per la crescita, deve fornire un’ampia gamma di opportunità che consentano ai bambini di sviluppare la propria identità, la propria autonomia e le proprie competenze in un ambiente ludico e socializzante, che consenta a tutti di “star bene” a scuola.

L'autore

Silvia Golinelli

Silvia Golinelli

Silvia Golinelli, pedagogista, scrittrice, studiosa di letteratura per bambini, da molti anni insegna nella Scuola dell'infanzia e ricopre anche il ruolo di coordinatrice pedagogica presso la Direzione Didattica di Mirandola. Tiene corsi di letteratura per l'infanzia presso molti Enti ed Istituzioni del territorio, effettua consulenze ed animazioni nell'ambito del progetto "Nati per leggere", partecipa ad attività di volontariato di tipo culturale con l'Associazione "Sergio Neri".

Articoli correlati

1 commento

  1. Write my custom essays
    Write my custom essays luglio 18, 06:36

    Thanks for collecting all this information in one interesting post. You did really good job, well done.

    Reply to this comment

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.
I campi richiesti sono segnati con *

Current day month ye@r *

Le ultime novità dall'e-shop!

Bimbirimbò su Facebook

Iscriviti alla newsletter di bimbirimbò

Iscriviti alla newsletter per ricevere gli approfondimenti, le notizie e le offerte di Bimbirimbò